Covid, immunizzato il 39% degli ultra 80enni, tuttavia il 31% non ha ricevuto la prima somministrazione

·2 minuto per la lettura
Andamento vaccinazioni over 80
Andamento vaccinazioni over 80

Mentre l’Italia sta vivendo la terza ondata di Covid-19, si cerca di fare chiarezza anche sull’andamento della vaccinazione: i dati del report del governo di oggi, 10 aprile 2021, dicono che al momento il 38,79% degli over 80 italiani è stato vaccinato con entrambe le dosi. Mentre il 68,20% ha ricevuto solo la prima dose. Emerge, inoltre, che sono molto più basse le percentuali che si riferiscono alla fascia di età che va dai 70 ai 79 anni.

38% degli ultra 80enni è immunizzato, il 68% attende ancora la seconda dose

Tra gli italiani che vanno dai 70 ai 79 anni fondamentalmente è stato vaccinato solo il 2,48%, per cui soltanto il 19,89% ha ricevuto la prima dose del vaccino anti-Covid. Numeri più alti provengono, tuttavia, per gli ospiti delle Rsa: qui sono stati vaccinati il 75,53%, ma la cosa positiva è che la prima dose è stata somministrata al 91,25%.Da non dimenticare anche l’andamento per il personale sanitario e sociosanitario: il 75,29% ha ricevuto le due dosi e il 91,63% è ancora alla prima.

Nel frattempo, Alessio D’Amato, assessore regionale alla Sanità del Lazio ha annunciato che: “Il 19 aprile avremo la prima consegna di vaccini Johnson&Johnson. Si tratta di una consegna quantitativamente modesta: 18mila dosi che andranno in prevalenza alle carceri per il personale che vi lavora e per i detenuti. Speriamo che dal prossimo mese di maggio potremo avere un ampliamento delle forniture“.

Secondo, infine, la Commissione tecnico scientifica dell’Aifa ha marcato la teoria secondo cui l’intervallo migliore tra le dosi è di 21 giorni per quanto riguarda il vaccino Pfizer e di 28 giorni per quanto concerne Moderna. Qualora tuttavia si rendesse necessario dilazionare di alcuni giorni la seconda dose, non è possibile superare in ogni caso l’intervallo di 42 giorni per entrambi i vaccini a mRNA. Si ribadisce che per ottenere una protezione ottimale è necessario completare il ciclo di vaccinazione con la seconda dose“.