Covid, immunologa Viola: "Variante inglese più contagiosa e letale"

·1 minuto per la lettura

“Nuovi dati provenienti dal Regno Unito indicano che la variante inglese è non solo più trasmissibile, ma anche più letale”. Lo ha riferito l'immunologa Antonella Viola, che su Facebook ha scritto: “Il rischio potrebbe essere tra il 40% e il 60% in più. La buona notizia è che i vaccini funzionano anche contro questa variante e quindi le nostre RSA e i nostri ospedali sono protetti”. 

La docente di Patologia generale del Dipartimento di Scienze biomediche dell'Università di Padova ha invitato ad “accelerare con le vaccinazioni dei soggetti fragili e mantenere bassa la circolazione del virus”. Viola è apparsa restia alle aperture generalizzate: “non è il caso quindi di proporre aperture e forse andrebbero rivisti alcuni parametri (in senso restrittivo) per decidere come regolarsi nelle varie regioni”. 

GUARDA ANCHE: Covid, i sintomi tra variante inglese e ceppo originale sono diversi?

L’immunologa ricorda poi quello che ognuno di noi può fare singolarmente per contribuire a limitare i contagi: “vaccinarci quando chiamati; usare mascherine FFP2 negli ambienti chiusi, inclusi negozi e scuole (per strada bastano quelle chirurgiche o anche di stoffa); non organizzare ritrovi in casa con amici o parenti; andare al ristorante solo con i propri conviventi; evitare sempre di incontrare persone fragili senza le dovute precauzioni (anche i nonni!)”, consiglia Viola.

GUARDA ANCHE: Covid, cosa sappiamo della variante milanese?