Covid, inaugurato primo hub aeroportuale per i test a Olbia con Garavaglia

·3 minuto per la lettura
default featured image 3 1200x900
default featured image 3 1200x900

Roma, 31 mar. (Adnkronos) – Questa mattina Geasar, società di gestione dell'aeroporto di Olbia e il Mater Olbia Hospital hanno inaugurato l’Health Testing Center – Htc, il primo hub aeroportuale in Italia completamente dedicato al servizio di screening e prevenzione sanitaria nella lotta al Covid 19 alla presenza del ministro del Turismo Massimo Garavaglia. La cerimonia di inaugurazione si è svolta all’interno del terminal dedicato allo screening, in un contesto covid free. Tutti i partecipanti sono stati infatti sottoposti ad un tampone antigenico rapido prima dell’ingresso e sono state rispettate tutte le misure sanitarie previste per il contenimento dell’epidemia da Sars Cov 2.

Il progetto dell’Htc vede la collaborazione tra due realtà aziendali accomunate da una mission incentrata sullo sviluppo delle potenzialità del territorio: il Mater Olbia Hospital, centro di eccellenza nel settore sanitario regionale e la Geasar Spa, porta di ingresso principale per il turismo in Sardegna.

All’ Health Testing Center è stata dedicata una struttura di 500 mq adiacente al terminal di aviazione commerciale dimensionata per processare oltre 1.500 test al giorno tra tamponi molecolari e antigenici di terza generazione. Il risultato dei test molecolari arriverà in un massimo di 24 ore, mentre per il test antigenico il risultato è disponibile in circa 30 minuti. I test sono tramite una comoda e intuitiva piattaforma integrata che permette di selezionare l’orario in cui effettuare il test, anche attraverso smartphone. Il sistema, una volta completata la prenotazione ed effettuato il pagamento genera un ticket di prenotazione che andrà mostrato il giorno del test, insieme ad un valido documento di identità.

Il servizio è stato concepito come efficace strumento per facilitare la ripresa del traffico aereo e dei flussi turistici locali, in linea con i trend internazionali che vedono la necessità di subordinare il viaggio aereo alla effettuazione di un test anticovid prima della partenza. "Pensiamo che il test dei passeggeri in partenza, in un contesto di uniformità di regole internazionali, sia la via più importante per la ripresa del traffico aereo e quindi del turismo in Sardegna" afferma l’a.d. di Geasar Spa, Silvio Pippobello. "Crediamo che tutto il sistema aeroportuale – aggiunge – dovrà presto trovare soluzioni strutturali che garantiscano la sicurezza del viaggio in termini sanitari e siamo certi che l’iniziativa di Geasar e Mater sia in linea con la prevista istituzione, annunciata dalla Commissione Europea, di un certificato internazionale per la libera circolazione delle persone".

Il Testing Center è aperto a tutti, chiunque lo desideri può eseguire il test, residenti e turisti stranieri che necessitano di test negativo per poter far rientro nei paesi di origine in conformità alle disposizioni in vigore. “Il progetto vuole dare una risposta anche ai numerosi input che ci arrivano dalle strutture ricettive dell’isola che chiedono di poter garantire ai propri utenti di essere accolti da personale sottoposto a periodici controlli sanitari e quindi completamente Covid Free” replica l’amministratore delegato di Mater Olbia Hospital Marco Ciccozzi.

“Abbiamo investito molto in questo progetto – prosegue -perché crediamo fermamente che i controlli sanitari costituiscano, unitamente a una ampia campagna vaccinale, elementi fondamentali per ritornare velocemente a uno stile di vita più sereno, favorendo la tutela della salute pubblica ma anche la ripresa economica; vogliamo contribuire al rilancio di questa meravigliosa isola che ha certamente fatto tesoro delle esperienze passate ed è pronta per offrire esperienze turistiche ad alti standard e può diventare un modello per l’intero paese".