Covid, indicazioni per la PA sul Green Pass obbligatorio dei lavoratori

·2 minuto per la lettura
lavoro
lavoro

Il Green Pass diventerà ufficialmente definitivo per i lavoratori del settore pubblico e privato a partire dal prossimo 15 ottobre. Le disposizioni inerenti alla certificazione verde per la Pubblica Amministrazione, quindi, sono state inserite nella bozza delle linee guida del Ministero della Pubblica Amministrazione e del Ministero della Salute.

Lavoro, Green Pass obbligatorio: Pubblica Amministrazione e linee guida

Nella giornata del 16 settembre, è stato approvato il Green Pass obbligatorio per i lavoratori pubblici e privati che entrerà in vigore il prossimo 15 ottobre. A questo proposito, le norme che regolano il certificato verde nel mondo del lavoro sono state inserite nella bozza delle linee guida del Ministero della Pubblica Amministrazione e del Ministero della Salute.

Secondo quanto riportato all’interno della bozza, il Green Pass dei dipendenti dovrà essere verificato dal datore di lavoroossia il “dirigente amministrativo apicale di ciascuna amministrazione o soggetto equivalente, a seconda del relativo ordinamento”.

In caso di strutture di vaste dimensioni, il dirigente apicale può delegare con atto scritto il controllo dei Green Pass ad altri membri dello staff che, preferibilmente, ricoprano ruoli dirigenziali.

Per quanto riguarda i controlli, inoltre, dovrà essere rispettata la normativa sul trattamento dei dati personali ed è stato ribadito il divieto di raccogliere e conservare i dati dei certificati verdi.

In relazione ai soggetti esenti dalla campagna vaccinale, le verifiche verranno condotte mediante lettura di QRCODE.

Lavoro, Green Pass obbligatorio: la piattaforma NoiPa

Per le amministrazioni che usano la piattaforma NoiPA, è stato sviluppato un nuovo servizio di interrogazione messo a disposizione delle amministrazioni, inserito nel portale NoiPA. Il servizio permetterà ai datori di lavoro e a coloro che ne fanno le veci di accertare la validità del Green Pass, consultando un elenco composto da tutti i dipendenti impiegati presso il proprio ufficio. Il servizio verrà abilitato su richiesta dei dirigenti che operano con NoiPA.

Per le amministrazioni che non usano la piattaforma NoiPA, la verifica del possesso del Green Pass avverrà attraverso un’interazione del Portale della Piattaforma Nazionale – DGC, presente sul sito www.dgc.gov.it.

Alle amministrazioni, inoltre, è consentito utilizzare anche l’app “VerificaC19”, disponibile gratuitamente sui differenti store di app. Questo strumento, tuttavia, viene consigliato soprattutto per i controlli a campione o per le amministrazioni di modeste dimensioni.

Lavoro, Green Pass obbligatorio: assenza ingiustificata e sanzioni

Per quanto concerne il trattamento economico da applicare nel caso delle giornate di assenza ingiustificate, il lavoratore non riceverà alcun compenso “né di carattere fisso e continuativo, né di carattere accessorio o indennitario”.

Le giornate di assenza ingiustificata, infatti, verranno considerato come servizio non utile a tutti i livelli e, quindi, verrà escluso dal conteggio previdenziale, di anzianità di servizio, degli scatti economici o per la maturazione di classi, per l’avanzamento di carriera, ecc.

Inoltre, i lavoratori riceveranno sanzioni in casi specifici come l’assenza sul posto di lavoro per mancato possesso del Green Pass oppure la presenza sul posto di lavoro nonostante si sia sprovvisti di Green Pass obbligatorio.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli