Covid: insegnante morta dopo vaccino, Procura Gela chiude inchiesta 'Non c'è correlazione'

·1 minuto per la lettura
default featured image 3 1200x900
default featured image 3 1200x900

Palermo, 28 mag. (Adnkronos) – "Non ci sono correlazioni di rilievo penale" tra la somministrazione del vaccino AstraZeneca e la morte dell'insegnante di Gela, Zelia Guzzo, di 37 anni, "imputabili a medici o sanitari che hanno avuto in cura la donna". Ecco perché la Procura di Gela, come apprende l'Adnkronos, ha chiuso l'inchiesta e chiesto l'archiviazione del procedimento penale nei confronti di ignoti per omicidio colposo. Lo scorso primo marzo era stato somministrato il vaccino all'insegnante, che è morta tre settimane dopo. La donna giorni dopo la somministrazione di AstraZeneca aveva cominciato ad accusare un forte mal di testa e stato confusionale. Dopo il trasporto all'ospedale "Vittorio Emanuele" di Gela era stato disposto il trasferimento al Sant'Elia dove era stata sottoposta ad un delicato intervento di Neurochirurgia.

La donna, secondo i primi accertamenti medici, sarebbe stata colpita da trombosi ed emorragia cerebrale. A Caltanissetta aveva subìto un delicato intervento di neurochirurgia. I medici avevano provato tamponare l’edema, ma per la donna non c’era stato nulla da fare dopo 13 giorni di ricovero. La Procura di Gela aveva aperto un fascicolo e sequestrato le cartelle cliniche e la documentazione circa il vaccino.

La donna non aveva malattie pregresse. Gli esiti della consulenza medico legale sono stati inviati all'Istituto superiore di Sanità e all'Aifa, come spiega il Procuratore Fernando Asaro.