Covid Italia, Abrignani: "Troppi morti? Evitarli significa tornare a restrizioni"

(Adnkronos) - "Stiamo accettando l'idea, di avere come per l'influenza, delle 'brutte annate' in cui ci sono molti morti" di Covid "per qualche mese". Nei confronti del coronavirus pandemico ormai "c'è un senso di accettazione, ma per evitare questo numero di morti bisognerebbe tornare ad attuare misure restrittive, come numeri limitati nei locali, distanziamento eccetera". Lo ha spiegato Sergio Abrignani, immunologo dell'università Statale di Milano, ospite di 'Un Giorno da Pecora' su Rai Radio 1.

La pandemia di Covid-19, ha chiarito l'immunologo, "non è finita, è finita l'emergenza". E benché, "se dovesse restare Omicron 2, non ci sarà" una nuova ondata in autunno, "il Covid non scomparirà mai. E' impossibile". Guardando al futuro, "la mascherina io continuerei a usarla", ha aggiunto l'esperto. Che sulla quarta dose di vaccino la pensa così: "La suggerirei fortemente per i soggetti fragili".

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli