Covid in Italia, il leader della Lega concorda con Conte: "Italiani devono decidere liberamente per vaccino"

·1 minuto per la lettura
salvini vaccino obbligatorio
salvini vaccino obbligatorio

Ospite ad Agorà, il leader della Lega Matteo Salvini ha parlato della situazione relativa al coronavirus in Italia, reputando non obbligatorio il vaccino. Il leader del Carroccio si trova in linea con il presidente del Consiglio Giuseppe Conte, ma da cui attende una convocazione a Palazzo Chigi: “Ormai è passato un mese, ci aveva detto che ci avrebbe invitato“.

Salvini: “Vaccino anti-coronavirus non obbligatorio”

Durante l’ultima puntata di Agorà su Raitre, il leader della Lega Matteo Salvini è tornati a parlare dello stato d’emergenza relativa al coronavirus in Italia, mostrandosi scettico sulla somministrazione del vaccino: “Il vaccino obbligatorio? Io sono per la libertà di scelta”.

Mi sembra che gli italiani abbiano dimostrato un buonsenso incredibile, uno spirito di generosità, solidarietà, rispetto, sacrificio che sia di esempio al resto del mondocontinua il leader del Carroccio-Però adesso, visto che i numeri lo dicono, mi pare che vivere, lavorare, camminare, sorridere, amarsi quanto più normalmente possibile sia un sacrosanto diritto”.

Aspettando Conte

Negli scorsi giorni anche il presidente del Consiglio aveva ritenuto giusto lasciare libertà di decisione agli italiani per quanto riguarda il vaccino anti-covid. Una linea condivisa da entrambe le fazioni: “Io sono sempre per la volontarietà, sono sempre perché la gente possa scegliere. Quello che mi suona come obbligatorietà suona sempre male”.

A proposito del suo rapporto istituzionale con Conte, Salvini parla della famosa convocazione a Palazzo Chigi:Ero rimasto al fatto che Conte ci avrebbe invitato. Penso ormai sia passato un mese. O gli hanno rubato il telefonino o è successo qualcosa”.