Covid Italia, Rasi: "A settembre sfioreremo i 20mila contagi"

·1 minuto per la lettura

Per i prossimi mesi dobbiamo aspettarci "il risultato delle follie di quest'estate, dai non vaccinati ai rave giovanili. A settembre sfioreremo i 20mila casi con un'età media sempre più bassa". E' la previsione di Guido Rasi, professore ordinario di Microbiologia all'Università di Roma Tor Vergata e consulente del commissario straordinario all'emergenza coronavirus, che in un'intervista alla 'Stampa' spiega come purtroppo avremo "dei morti giovani e tutti evitabili col vaccino. Per i ragazzi, come per gli over 50, va intensificata la persuasione da parte dei medici di base", esorta l'ex direttore esecutivo dell'Agenzia europea del farmaco Ema.

Anche i vaccinati possono contagiarsi, ha continuato Rasi, "anche se non sviluppano la malattia. In autunno saranno di più e non dovranno andare in giro per cui serviranno tamponi a casa, certificazioni di guarigione e smart working. È il mondo post-vaccino e va organizzato. Bisogna pensare alla ripartenza, ai trasporti, al Green Pass a scuola e al lavoro, magari valido solo dopo la seconda dose".

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli