Covid Italia, Ricciardi: "Sì riduzioni isolamento positivi ma no stop"

(Adnkronos) - "Uno dei perni del controllo delle epidemie, a maggior ragione delle pandemie, è la sorveglianza sanitaria, cioè la necessità di tenere sotto controllo la diffusione dell'infezione. C'è quindi la necessità di non far circolare i positivi a Sars-Cov-2. Si può fare qualche aggiustamento ma il principio che una persona positiva debba rimanere a casa e non debba contagiare altri è fondamentale". A dirlo all'Adnkronos Salute Walter Ricciardi, consulente del ministro della Salute e professore di igiene all'università Cattolica in merito alle proposte di eliminare la quarantena dei positivi.

"Abbiamo visto quello che è successo in Gran Bretagna dove questo principio è stato scalfito - continua - c'è stato un collasso del Servizio sanitario. Ed è successo in estate. Figuriamoci cosa può succedere in inverno che - se guardiamo a quanto accade in Australia, con una stagione influenzale in corso durissima - si annuncia complesso".

Certamente, aggiunge Ricciardi, "possiamo fare aggiustamenti, riduzioni del numero dei giorni di quarantena, limitandoli allo stretto necessario. Ma il principio che persone positive, infette e contagiose, possano circolare liberamente è contrario alle indicazioni basilari di sanità pubblica finalizzate al contenimento del virus pandemico".