Covid, la previsione di Sebastiani: “Lombardia, Calabria e Veneto in zona gialla da Natale”

·1 minuto per la lettura
covid sebastiani zona gialla
covid sebastiani zona gialla

Secondo le previsioni del matematico del CNR Giovanni Sebastiani, tre regioni rischiano di finire in zona gialla da Natale: si tratta di Calabria, Lombardia e Veneto che potrebbero essere seguite dalle Marche nella settimana successiva. Si tratta di una stia effettuata studiando l’andamento dei contagi, dell’occupazione delle aree mediche e delle terapie intensive.

Sebastiani sulla zona gialla a Natale

Il modello matematico, reso noto dal Messaggero, stima che durante le vacanze natalizie altre regioni dopo Friuli Venezia-Giulia e Alto-Adige si tingeranno di giallo. Analizzando il trend dei casi positivi e dei ricoveri (senza dunque tenere in considerazione la diffusione della variante Omicron né dei posti negli ospedali che le Regioni potranno aggiungere per rimanere nei limiti delle soglie di occupazione), l’esperto ha infatti previsto che le suddette tre regioni potrebbero abbandonare la zona bianca.

Secondo Sebastiani la Calabria potrebbe superare i limiti già da martedì 14 dicembre 2021 mentre Lombardia, Marche, Veneto e Liguria dalla prossima settimana. Stando alle elaborazioni, i peggiori trend di crescita delle ospedalizzazioni parlano di un aumento al 19% e al 16% di area medica e terapia intensiva in Lombardia (dagli attuali 14,% e 8,7%), al 15% e al 20% in Veneto (da 9,2% e 13,1%) e al 20% e al 14% in Calabria (da 14,9% e 9,9%)

Sebastiani sulla zona gialla a Natale: le regioni salve

Da tenere d’occhio a causa di un trend in crescita minore ma comunque significativo ci sono infine Liguria ed Emilia-Romagna che potrebbero approdare in zona gialla nel 2022. Basilicata, Puglia, Sardegna e Toscana possono invece contare su un lieve calo dei ricoveri e anche in Lazio, grazie ad un indice di contagi in decrescita, dovrebbe rimanere in zona bianca a Natale e Capodanno.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli