Covid: Landini, 'apologia di fascismo è un reato, punire chi l'ha commesso'

·1 minuto per la lettura
default featured image 3 1200x900
default featured image 3 1200x900

Milano, 10 ott. (Adnkronos) – "E' necessario, come è avvenuto, che non solo siano arrestati ma che sia punito, sulla base delle leggi nel nostro Paese, chi ha commesso dei reati così gravi". Lo afferma il segretario della Cgil, Maurizio Landini, ospite del Tg4 all'indomani di quello che definisce un "attacco squadristico che non c'entra nulla col green pass". Un attacco al "mondo del lavoro, attacco che è stato preordinato e strumentalizzato", aggiunge Landini che ringrazia le forze dell'ordine e invita tutti sabato prossimo alla manifestazione pacifica dei sindacati.

"In Italia l'apologia di fascismo è un reato, tutte le organizzazioni che si richiamano al fascismo devono essere sciolte. A tutti quelli che hanno espresso solidarietà, dico che ora è tempo di passare ai fatti concreti: mi aspetto che tutti si muovano in questa direzione. Avere il pugno di ferro da parte dello Stato significa far rispettare le nostre leggi e la nostra Costituzione e mi auguro che questo avvenga. Sarà una delle richieste che faremo nella manifestazione di sabato", conclude Landini.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli