Covid: Librandi (Iv), 'fiducia in Draghi non in Speranza'

·1 minuto per la lettura
default featured image 3 1200x900
default featured image 3 1200x900

Roma, 16 apr. (Adnkronos) – "Abbiamo tutti piena fiducia in Draghi e nel suo governo, dunque se lui si fida di Speranza come suo delegato al ministero della Salute accettiamo la sua decisione. Ciò non significa che Speranza goda di fiducia, anzi personalmente temo che la debolezza e l’incertezza della gestione emergenziale da parte del ministro della Salute stia facendo male all’intero governo e alla popolarità dello stesso Draghi e del governo". Lo afferma Gianfranco Librandi, deputato di Italia viva.

"Se anziché scrivere libri balneari sull’uscita dalla pandemia, Speranza avesse studiato un po’ di libri di medicina e di gestione sanitaria delle pandemie, forse -aggiunge l'esponente di Iv- oggi avremmo un ministro più adeguato al governo di cui fa parte. Se non vuole essere sfiduciato anche politicamente, Speranza dovrebbe oggi operare un vero cambio di rotta, abbandonare il galleggiamento a cui ha costretto il Paese da oltre un anno. Nonostante tutte le chiusure e le risorse investite, l’Italia sta pagando un prezzo enorme di vite umane: può il ministro pensare di cavarsela sempre dietro l’ombra del premier? La pazienza è in esaurimento".