**Covid: Liguori, 'fuga virus da laboratorio Cina? Lo dissi per primo e nessuno diede importanza'** (2)

·1 minuto per la lettura
default featured image 3 1200x900
default featured image 3 1200x900

(Adnkronos) – Sul ritardo dell'inchiesta voluta ora dall'Oms, Liguori osserva senza mezzi termini: "Una farsa. I cinesi hanno spinto sull'Oms per fare una farsa di indagine, con 17 scienziati venuti da fuori affiancati da 17 scienziati cinesi che hanno nascosto tutto". A questo punto però "l'Oms, che è un'agenzia dell'Onu, correva il rischio di essere esautorata completamente e rischiava di scomparire. Ha dunque ricevuto dunque pressioni dall'Onu per fare una vera inchiesta, ed è intervenuto il direttore generale Ghetreyesus che ha riaperto la questione", spiega.

Su quali possano essere gli esiti dell'inchiesta avviata dall'Oms, il giornalista ipotizza: "Da una parte si tratta di stabilire i passaggi e i danni, dall'altro il risarcimento. Ma prevedo una forte resistenza da parte dei cinesi". Quale sarebbe la vera forma di risarcimento? "Che tirino fuori i brevetti dei loro vaccini, che sono molti diversi dai nostri. Loro hanno vaccini veri, noi purtroppo ancora no. Il nostro si basa sui sintomi".

Le varianti, dice Liguori, "sono forme di virus che si producono perché il virus possa sfuggire al vaccino. Lo insegnano anche agli studenti di medicina: se tu vaccini mentre c'è la pandemia, si creano le varianti". Così la situazione "peggiora, perché si dovranno fare altri vaccini basati sulle varianti", dice il giornalista. Che conclude: "Qui si tende a darsi la colpa a vicenda, ma alla fine questo meccanismo che si è innescato -colpa della Germania, colpa del governo Conte, colpa del governo Draghi- in realtà è una baggianata. Non vogliamo vedere di chi è la colpa, che è solo della tempistica con cui i cinesi ci hanno detto le cose".

(di Ilaria Floris)