Covid, l'ipotesi: "Contagio forse partito da industria cinese delle pellicce"

·1 minuto per la lettura

Il virologo Christian Drosten, uno dei maggiori esperti di coronavirus in Germania, ha ipotizzato che il contagio del Covid-19 si sia diffuso attraverso l'industria cinese delle pellicce. La sua ipotesi, ha spiegato alla rivista svizzera online Republik, non è suffragata da prove ma si basa su similitudini con la Sars, la malattia provocata da un altro coronavirus che si diffuse a partire dalla Cina fra il 2002 e il 2003.

"Non ho alcuna prova, eccetto l'origine chiaramente comprovata della Sars-1, un virus della stessa specie. I virus della stessa specie fanno le stesse cose e spesso hanno la stessa origine", ha sottolineato Drosten, ricordando che in quel caso "è provato" che gli animali intermediari furono procioni e zibetti.

E i procioni, ha proseguito il virologo, sono ancora molto usati nell'industria cinese delle pellicce. Negli allevamenti si introducono anche procioni selvatici che potrebbero aver ingerito pipistrelli, considerati la fonte del Covid-19. Quando vengono uccisi, questi animali emettono "gridi di morte e ruggiti e nel processo emettono aerosol. Gli umani potrebbero essersi così infettati col virus", ha detto il virologo, aggiungendo che fino a poco tempo fa pensava che questo tipo di commercio fosse stato ormai interrotto.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli