Covid, Locatelli a Borghi: "Su ricoveri vaccinati già chiarito tutto"

·1 minuto per la lettura

Sulla questione dei ricoveri e dei decessi dei vaccinati, sollevata in un'interrogazione al ministero della Salute firmata da Claudio Borghi, "è stato già chiarito tutto". Così Franco Locatelli, coordinatore del Comitato tecnico-scientifico (Cts), all'Adnkronos Salute replica alle richieste di Borghi che, nell'interrogazione, ha chiesto spiegazioni per le affermazioni di Locatelli durante una conferenza stampa con Speranza e Figliuolo il 5 novembre. La frase finita sotto i riflettori è che "fino a i 59 anni nessun vaccinato è finito in terapia intensiva", considerato che, rileva Borghi, "la stessa appare sbagliata e incongruente rispetto ai dati raccolti e pubblicati nel bollettino dall'Istituto superiore di sanità".

Locatelli, ospite a 'Mezz'ora in più' su RaiTre il 7 novembre, si era soffermato sui ricoveri in terapia intensiva. "Nell'ultimo mese nella fascia d'età 12-59 anni ce ne sono stati 129 nei 7 milioni di non vaccinati a fronte di 14 nei 26 mln di vaccinati e nella fascia 12-39 anni ci sono stati 30 casi di ricoveri in terapia intensiva nei non vaccinati contro nessuno nella fascia dei vaccinati". Correggendo, anche se non citando l'esempio, quanto detto durante la conferenza stampa a Palazzo Chigi sulla prosecuzione della campagna vaccinale.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli