Covid, Lombardia: sì a spostamenti per professionisti tartufi

Red-Alp
·1 minuto per la lettura

Milano, 13 nov. (askanews) - La Regione Lombardia, nelle Faq pubblicate sul sito ufficiale, ha chiarito l'interpretazione del Dpcm del 3 novembre scorso in merito alla possibilità di spostamento per chi effettua in modo professionale l'attività di ricerca dei tartufi. "Molti lombardi chiedevano giustamente un chiarimento visto il periodo" ha dichiarato l'assessore regionale lombardo all'Agricoltura, Alimentazione e Sistemi verdi, Fabio Rolfi, ricordando che "in Lombardia l'attività di ricerca dei tartufi svolta in modo professionale da un soggetto in possesso del tesserino valido di abilitazione consente di effettuare spostamenti anche fuori dal proprio comune". "Si tratta infatti di un'attività assimilabile a quella lavorativa ed è comunque consigliato, per dare evidenza del requisito della professionalità dell'attività, di portare il tesserino, unitamente alla copia del modulo F24 di versamento dell'imposta forfettaria e del certificato di attribuzione della partita Iva o di altro documento idoneo ad attestarne l'attribuzione".