Covid: Lupi, 'chiarezza su riaperture per trasmettere fiducia'

·1 minuto per la lettura
default featured image 3 1200x900
default featured image 3 1200x900

Roma, 29 mar. (Adnkronos) – “Non è tempo di tifoserie su riaperture o chiusure del Paese. Il presidente del Consiglio in Parlamento è stato chiaro: bisogna dare un messaggio di fiducia alla gente, mentre si incrementa la campagna vaccinale dobbiamo iniziare a pianificare le riaperture. Pianificare vuol dire: entro questa data contiamo di riaprire queste attività, entro quest’altra data riapriranno questi altri settori. Si comunicano certezze, in base alle quali imprenditori e famiglie fanno i loro programmi". Lo afferma Maurizio Lupi, presidente di Noi con l'Italia.

"Sulla scuola -aggiunge- c’è finalmente un orientamento chiaro del presidente del Consiglio, pur con ancora troppi distinguo nella maggioranza che lo sostiene. Serve un orientamento che dia una prospettiva anche al settore della ristorazione, delle fiere, dei congressi e degli eventi, del turismo. Certo, si continuano a controllare i dati e si decide solo in base ad essi, ma non si capisce perché se una regione ha dati da zona gialla debba essere in arancione, o perché si possa da Roma andare a Maiorca ma non a Orbetello".

"Se i dati dicono che, nonostante la campagna vaccinale, è in arrivo un’ulteriore ondata della pandemia, se ne terrà conto e si rivedranno i piani. Gli italiani capiranno, come hanno fatto sino ad adesso, ma non si può tenerli appesi a decisioni dell’ultimo minuto prospettando solo il prolungamento delle chiusure mentre vengono diffusi messaggi del tipo 'a giugno immunità di gregge'. La fiducia -conclude Lupi- si trasmette con la chiarezza”.