Covid, M5S: in Lombardia il peggio del centrodestra italiano

Red
·1 minuto per la lettura
Image from askanews web site
Image from askanews web site

Milano, 26 mar. (askanews) - "In tutte le famiglie c'è il fratello più sveglio degli altri, sicuramente il centrodestra in Lombardia non ha premiato i più svegli: in Lombardia ci ritroviamo con il peggio del centrodestra del Paese". Lo ha scritto in una nota Gregorio Mammì, consigliere regionale del M5S Lombardia.

"Il presidente del Veneto Zaia ha detto che tutti gli over 65 che accompagneranno a fare la vaccinazione un familiare over 80, saranno vaccinati nella stessa seduta, oppure, in caso di problemi contingenti, tornerà a casa con la prenotazione in mano. Perché tutto questo in Lombardia non accade? Perché hanno trasformato la prima regione nell'ufficio complicazioni d'Italia", ha attaccato.

"Non si chiede a Regione abilità o competenza, ma semplicemente buonsenso. La quota veneta della Regione Lombardia è il direttore Generale di Aria, ma serve a ben poco, evidentemente il problema è politico e non tecnico. Il centrodestra lombardo, a differenza di quello veneto, non ha pensato a nulla per ottimizzare, accelerare, migliorare la performance delle vaccinazioni", ha concluso Mammì.