Covid: Macina, 'sì garanzie per sanitari ma scudo penale resti nel cassetto' (2)

·1 minuto per la lettura
default featured image 3 1200x900
default featured image 3 1200x900

(Adnkronos) – (Adnkronos) – "D’altro canto, dobbiamo poter tranquillizzare anche i soggetti passivi: i cittadini che ricevono il vaccino. Non possiamo instillare in loro il dubbio che per l’esecuzione della campagna sia necessario uno scudo penale. Anche perché così non è -prosegue-. Capisco perfettamente ‘l’eccitazione’ di alcuni al suono delle parole ‘scudo penale’, ma nel nostro ordinamento ci sono già tutele per le professioni sanitarie"

"Si tratta, semmai, di costruire una norma di ulteriore garanzia che adatti quanto già previsto dalla legge 24/2017 alla situazione di eccezionale gravità che stiamo vivendo, e alla specifica fase della campagna vaccinale, circoscrivendo eventuali responsabilità dei sanitari -dice ancora Macina-. Una cosa, su tutte, deve essere chiara: non è in discussione, e non potrebbe esserlo, l’avvio di un’indagine per verificare eventuali responsabilità in caso di evento di morte. Nella nostra Costituzione vi è l’obbligo dell’esercizio dell’azione penale. E tale resta".

"Semmai sarebbe utile, in questa cornice, un’attenta selezione di ciò che effettivamente può costituire notizia di reato, tale da determinare l’apertura di un’indagine. È una partita delicata, da gestire con attenzione e serietà. Non sono gli inutili allarmismi generati da una comunicazione impropria a poter aiutare la campagna vaccinale. Lo ‘scudo penale’ torni nel cassetto”, conclude.