Covid Malta, 179 nuovi contagi: numero più alto dal 21 marzo

·2 minuto per la lettura

Continuano ad aumentare i contagi a Malta, dove nelle ultime 24 ore sono 179 le persone risultate positive al Covid. Si tratta del numero più alto dal 21 marzo scorso, si legge sul Malta Times. Con due persone guarite, sono 634 le persone attualmente positive nello stato insulare che, con uno dei tassi di vaccinazione più alti della Ue, nell'ultima settimana ha registrato una ripresa dei contagi soprattutto tra i ragazzi arrivati da tutta Europa, Italia compresa, per i corsi di lingua estivi.

Intanto, le autorità sanitarie hanno confermato che il ministro della Sanità, Chris Fearne, si è messo in isolamento dopo essere entrato in contatto con una persona risultata positiva al Covid. Venerdì scorso Fearne ha annunciato nuove, più severe, misure per l'ingresso a Malta che da mercoledì sarà possibile solo a persone che hanno completato il ciclo vaccinale da due settimane. Decisa anche la chiusura temporanea delle scuole di lingua.

La Commissione Europea ha preso contatti con il governo di Malta per "chiedere spiegazioni" sulle misure annunciate dal Paese mediterraneo, che vieterà l'ingresso di tutti i viaggiatori non pienamente vaccinati contro il Covid. Lo ha spiegato il portavoce della Commissione Europea Christian Wigand, durante il briefing con la stampa a Bruxelles.

E' vero, ha detto il portavoce, che si osservano "casi crescenti" di positività al Sars-CoV-2 in alcuni Paesi membri, ed è altrettanto vero che gli Stati membri possono, in caso di necessità, adottare restrizioni aggiuntive alla libertà di movimento, ma queste misure "devono essere proporzionate". E, ha sottolineato Wigand, "il certificato di vaccinazione non può essere un prerequisito per esercitare la libertà di circolazione", poiché "siamo preoccupati" che una misura simile risulti "discriminatoria nei confronti di chi non è vaccinato", ha concluso.

Non è la prima volta che un Paese Ue adotta restrizioni di viaggio unilateralmente, senza consultazione preventiva. La Germania alla fine di giugno aveva chiuso le frontiere alle persone provenienti dal Portogallo, zona considerata a rischio per la variante ex indiana, o Delta, a meno che non fossero cittadini tedeschi. Dopo una settimana, la misura è stata trasformata da divieto di viaggio a obbligo di test e quarantena. Malta, che ha tassi di vaccinazione molto elevati (il 79,1% della popolazione è pienamente vaccinato), ha visto un numero crescente di contagi nelle ultime settimane, principalmente importati. L'arcipelago mediterraneo è il più piccolo Stato dell'Ue.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli