Covid, mamma di 26 anni muore dopo la figlia: il dramma

·1 minuto per la lettura
Covid, mamma di 26 anni muore dopo la figlia: il dramma (Getty)
Covid, mamma di 26 anni muore dopo la figlia: il dramma (Getty)

Dramma a Napoli, dove una giovane di 26 anni è morta di Covid appena due mesi dopo aver perso la figlia, fatta nascere prematuramente.

In estate, infatti, la 26enne aveva perso la sua seconda figlia, fatta nascere prematuramente, ma adesso è morta anche lei dopo essere risultata positiva al Covid-19. Originaria del Salernitano, la ragazza è deceduta ieri presso il reparto di Terapia intensiva dell’azienda ospedaliera universitaria Federico II di Napoli, in seguito alle complicazioni del virus. La 26enne non era vaccinata.

GUARDA ANCHE - Covid, cosa sono i vaccini proteici?

La piccola, venuta al mondo alla 24esima settimane, era deceduta dopo che la madre era risultata positiva al Coronavirus ad agosto. La neonata era stata trasferita al Secondo Policlinico di Napoli nel reparto di Terapia intensiva neonatale, ma purtroppo non ce l'ha fatta.

Nonostante la 26enne si fosse negativizzata qualche settimana fa, i segni lasciati dal Covid sul suo corpo fragile non le hanno lasciato scampo. Già madre di un altro bambino, era stata trasportata a fine agosto nel reparto dedicato alle donne incinte positive al virus del Policlinico partenopeo dopo essere stata alcuni giorni presso l’ospedale di Vallo della Lucania. Al suo arrivo a Napoli il suo quadro clinico era già gravissimo e le sue condizioni di salute sono rimasti sempre molto critiche, ieri il decesso. 

Il presidente della Regione Vincenzo De Luca ha commentato: "Questi episodi drammatici ci servono a ricordare che, quando parliamo di Covid, non bisogna banalizzare. Ho la sensazione che molti guardino al Covid come a un’influenza e non è così”.

GUARDA ANCHE - Vaccini Covid, perché fare la terza dose?

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli