Covid, Marco De Veglia morto: “Era un no vax, parlava di complotto delle case farmaceutiche”

·1 minuto per la lettura
Marco De Veglia morto
Marco De Veglia morto

Addio a Marco De Veglia, esperto di Brand Positioning molto noto e stimato dai professionisti del settore, morto dopo aver contratto il Covid: l’uomo era convintamente novax e si era rifiutato di sottoporsi alla vaccinazione contro l’infezione.

Marco De Veglia morto

A dare la notizia è stato Stefano Versace, imprenditore italiano all’estero con cui aveva creato il primo cambio di Brand da “Versace gelateria italian e gourmet” a “Stefan Versace Gelato“. Il giorno prima di apprendere la notizia del decesso, lo stesso aveva reso note le posizioni di Marco in merito all’emergenza sanitaria dopo che quest’ultimo era risultato positivo al Covid.

Quando ho deciso di vaccinarmi sei venuto a dirmi quanto ero deficiente. Hai tappezzato ogni mio post dicendo che il Covid si combatte con le cure domiciliari, che la mascherina non serve a nulla, che il virus è solo un’influenza, e che era tutto un complotto delle case farmaceutiche“, ha scritto aggiungendo che
era arrivato ad un punto in cui aveva dovuto bloccarlo perché pesante al limite della maleducazione e della mancanza di rispetto.

Marco De Veglia morto: “Hai sempre rifiutato di riconoscere il Covid”

Entrambi, ha continuato, avevano preso il virus. Stefano se l’era cavata con mezza giornata di dolori alle gambe, 6/7 giorni di perdita di gusto e olfatto e una settimana di stanchezza. Marco invece ha necessitato dell’ospedale, probabilmente anche di un passaggio in terapia intensiva “lottando contro quel mostro che ti sei sempre rifiutato di riconoscere tappandoti gli occhi con quelle notizie fake di cui ti alimentavi“.

Marco De Veglia morto: i post contro i vaccini

Sono diversi i post pubblicati e condivisi da Marco De Veglia che dimostravano la sua contrarietà ai vaccini e alle misure limitative imposte dal governo. Queste alcune delle frasi comparse sui suoi profili social: “Nella narrazione pandemica fatichiamo a trovare anche solo un 1% di verità, c’è una contraddizione dietro l’altra a fare da eco ad una propaganda buffa quanto asfissiante“, “Non ce ne frega niente dei vostri green pass“, “Se muori di infarto è Covid, se muori di vaccino è infarto”.

Prima di ammalarsi aveva anche condiviso una raccolta firme per chiedere la radiazione dall’albo di Matteo Bassetti, virologo che aveva proposto di imporre il lockdown solo ai non vaccinati in caso di risalita dei contagi.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli