Covid: Meloni, 'contrarissima a vaccini per bambini e giovani, serve dibattito serio'

·1 minuto per la lettura
default featured image 3 1200x900
default featured image 3 1200x900

Rapallo (Ge), 9 lug. (Adnkronos) – "Sono contraria all'obbligo vaccinale, credo che sia contrario all'ordinamento italiano. Penso che l'unica cosa seria per far funzionare la campagna vaccinale sia non fare confusione, che quello che sta devastando la campagna vaccinale sia uno Stato che ti dice ogni giorno una cosa diversa sullo stesso vaccino creando sostanzialmente il panico. Credo che l'unica forma di sostegno alla campagna vaccinale sia la trasparenza e la serietà e in tutta questa vicenda è mancata sia la trasparenza che la serietà". Lo ha affermato Giorgia Meloni, presidente di Fratelli d'Italia, intervistata da Mario Giordano a Rapallo per la presentazione del libro 'Io sono Giorgia'.

"L'86 per cento delle vittime da Covid -ha ricordato la leader di Fdi- ha più di 65 anni, non impatta sui giovani se non su quelli immunodepressi. Io sono contrarissima alla vaccinazione dei più giovani, dei giovanissimi, dei ragazzini, perchè il rischio del Covid è inferiore o quasi inesistente, dall'altra parte abbiamo dei vaccini che hanno dovuto saltare dei passaggi".

"Mi interrogo su una società che dice vacciniamo i bambini di dieci anni non sapendo che cosa possa comportare. Penso che su questo tema bisogna fare un dibattito serio, lo dico in punta di piedi. Bisogna incentivare la campagna vaccinale con la serietà che non abbiamo visto nelle istituzioni, ma sul tema di ricattare i giovani, se vuoi andare in discoteca, su questo sinceramente -ha concluso Meloni- chiedo un dibattito serio alla politica".

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli