Covid: Milano, al Piccolo Teatro eventi e dibattiti su lavoro e pandemia

·2 minuto per la lettura
default featured image 3 1200x900
default featured image 3 1200x900

Milano, 12 apr. (Adnkronos) – Lavoro e pandemia, come si può far ripartire l'economia in tempi di Coronavirus? Di questo e di altro si parlerà domani al Piccolo teatro di Milano per la rassegna 'Piccolo Teatro Aperto'.

Tra gli eventi in programma domani, alle 15.30 l’incontro 'La cultura scritta indipendente e autogestita: tra arte formazione e lavoro al tempo del Covid-19', durante il quale si discuterà di questioni come il superamento del libro di testo alla Dad, il rapporto circolare tra formazione e lavoro e i meccanismi politici ed economici che hanno portato al blocco della scuola, del settore dello spettacolo e della cultura.

Alle 18 laboratorio di poesia con Paolo Cerruto – Tempi diVersi, mentre alle 19 si svolgerà 'Poetry Slam', una sfida aperta alla cittadinanza, con l'intervento dei poeti Elisa Longo, Paolo Agrati, Riccardo Mereu, Ciccio Rigoli, Paolo Cerruto, Sebastiano Mignosa, Federico Balzarini e Zoe Aselli Pellegrini.

Tutti gli incontri sono trasmessi in diretta dalla pagina Facebook del Coordinamento Spettacolo Lombardia: https://www.facebook.com/Coordinamentospettacololombardia.

"Prove per uno spettacolo vivo" è un’azione artistica e politica, organizzata dal Coordinamento Spettacolo Lombardia, presso il Piccolo Teatro Grassi, in via Rovello, che rivendica lo spazio che da più di un anno è stato negato alla Cultura e allo Spettacolo, per discutere e denunciare le contraddizioni che la pandemia ha fatto emergere duramente nella nostro settore.

Il Coordinamento Spettacolo Lombardia ha istituito il Parlamento Culturale Permanente come luogo di incontri, assemblee, dibattiti, laboratori e proposte artistiche, a cui sono invitati a partecipare le lavoratrici e i lavoratori, le imprese culturali, le piccole e medie compagnie, le istituzioni e tutte le realtà che compongono il settore, per un'assunzione di responsabilità condivisa, per costruire una ripartenza sostenibile da tutti, a partire dai più fragili, considerando il Lavoro come centralità e motore di tutte le categorie, non solo del settore culturale.

Il Coordinamento Spettacolo Lombardia è composto da Lavoratrici e Lavoratori Spettacolo Lombardia, A2U-Attrici Attori Uniti, Sarte di Scena, Movimento di scena, Cub informazione e spettacolo, Attrezzismo Violento, Saltimbanchi Senza Frontiere, Teatranti Uniti Como e Provincia, Brescia Unita Lavoratrici e Lavoratori dello Spettacolo e da singole individualità.