Covid, a Milano autorimesse in crisi: ricavi dimezzati nel 2020

fcz
·2 minuto per la lettura

Milano, 19 nov. (askanews) - L'emergenza Coronavirus manda in crisi le autorimesse di Milano. Secondo i dati forniti da Apa, l'associzione milanese dei parcheggi coperti e custoditi, dopo aver bruciato più del 90% del fatturato nei mesi del 'primo' lockdown, il settore - che nel capoluogo lombardo conta 250 strutture per un totale di 1.400 addetti - archivierà il 2020 con ricavi dimezzati rispetto all'anno precedente. Un crollo complessivo del 50% del fatturato che, avverte l'associazione, comporterà la "certa chiusura di numerose aziende del comparto e l'inevitabile licenziamento di numerosi operatori". Il problema, lamenta Apa, è che da parte delle istituzioni "non è stato fatto nulla per sorreggere il mondo della sosta in struttura". Perchè se da un lato le varie restrizioni imposte dal governo puntavano a "disincentivare la circolazione delle persone, annullando di fatto l'utilità delle autorimesse", dall'altro gli indennizzi prospettati da Governo e Regione Lombardia "non contemplano le autorimesse". Una situazione già grave e ancor più drammatica a Milano, dove "oltre al danno ecco materializzarsi la beffa": Palazzo Marino, prosegue l'Apa, non solo "ha praticamente mantenuto quasi sempre la sosta su strisce blu gratuita disincentivando di conseguenza l'utilizzo delle autorimesse e sospendendo a fasi alterne il pagamento di Area C". Perchè "ora, nel mese di novembre, i gestori si sono visti recapitare la richiesta dell'intero pagamento della Tari", una tassa "iniqua e penalizzante per un'attività di servizio che per sua natura dispone di grandi superfici, ma non produce alcun rifiuto". La richiesta che arriva da un settore "in ginocchio" è quella di "aiuti urgenti e ristori efficaci" da calcolare "sulla differenza di fatturato di ogni struttura rispetto all'anno precedente. Ignorare la rilevanza strategica del nostro settore - è l'appello di Apa - porterebbe a danni irreparabili nell'immediato anche per gli utenti finali e per il tessuto commerciale della città".