Covid: a Milano indagine su capacità filtraggio mascherine U-Mask

Red
·1 minuto per la lettura
Image from askanews web site
Image from askanews web site

Milano, 25 gen. (askanews) - Una quindicina di mascherine U-Mask sono state sequestrate dalla polizia locale di Milano su ordine della Procura che ha avviato un indagine per verificarne l'effettiva capacità di filtraggio.

L'inchiesta milanese, condotta dai procuratori aggiunti Tiziana Siciliano ed Eugenio Fusco, è scattata in seguito alla denuncia presentata da un'azienda concorrente e vede indagata per frode nell'esercizio del commercio l'amministratrice della società italiana che detiene il marchio U-Mask. Gli inquirenti dovranno accertare se la capacità di filtraggio delle mascherine bio-tech sia davvero pari al 98%, così come dichiarato dall'azienda, oppure inferiore, tra il 70 e l'80%, come invece sostenuto dall'azienda che ha presentato l'esposto in procura. Per vederci chiaro, i pm hanno ordinato il sequestro di 15 mascherine sospette in alcune farmacie della città e nella filiale milanese dell'azienda britannica. Sarà un consulente tecnico, nominato dai pm, a svolgere gli accertamenti necessari per verificare la conformità delle catteristiche dichiarate dall'azienda.