Covid Milano, oggi 509 contagi in città e provincia

webinfo@adnkronos.com (Web Info)
·4 minuto per la lettura

Sono 509 i nuovi contagi da coronavirus nella provincia di Milano secondo il bollettino di oggi, di cui 184 a Milano città. Quanto alle altre province lombarde, a Bergamo i nuovi casi sono 186, a Brescia 427, a Como 18, a Cremona 31, a Lecco 48, a Lodi 19, a Mantova 34, a Monza 109, a Pavia 40, a Sondrio zero, a Varese 34.

"Su Milano è al momento stazionaria la situazione sia sul fronte delle chiamate al 118 che degli interventi di soccorso per motivi respiratori e infettivi, voce che include anche possibili pazienti Covid. Non si registra un aumento dei numeri. E non essendoci un impegno superiore, non c'è stato aumento di mezzi, ma l'assetto resta quello ordinario". E' il quadro tracciato dall'Areu, Azienda regionale emergenza urgenza. Ieri gli eventi di questo tipo registrati dalla Soreu metropolitana (Sala operativa emergenza urgenza) che raccoglie gli Sos dell'area di Milano e Monza Brianza sono stati 168 in tutta la giornata, fino alle 14 l'andamento odierno è praticamente in linea.

E lo storico degli interventi conferma: mostra chiaramente i due picchi in corrispondenza delle due ondate di Covid 19 e una linea che non è scesa come la scorsa estate, ma per Milano e Monza Brianza si mantiene attualmente stazionaria con alcune variazioni, sopra e sotto quota 160 eventi respiratori/infettivi. Gli ospedali rispecchiano lo stesso andamento, che si riassume in "stazionario, con qualche spia di allerta".

Il Niguarda nel weekend ha avuto "qualche ricovero in più, anche se il dato non è statisticamente significativo", puntualizzano all'Adnkronos Salute. Complessivamente ad oggi sono ricoverati 87 pazienti Covid di cui 15 in terapia intensiva. E' un numero "costante da Natale più o meno. Tra sabato e domenica l'aumento è stato di 3-4 ricoveri in più rispetto alla media giornaliera, tra cui uno pediatrico" che suona come una spia trattandosi di bambini. "Un possibile aumento dell'attività Covid è atteso nelle prossime settimane, ma ovviamente è difficilmente quantificabile. Non c'è comunque allarme"

Il Policlinico di Milano conta al momento circa 50 ricoverati nel Padiglione di terapia intensiva in Fiera e 9 nella terapia intensiva dell'ospedale, quindi circa 60 in tutto. Per avere un raffronto, il 9 dicembre 2020 erano 63 in Fiera e 17 al Policlinico, il 25 novembre avevano toccato un picco di 89. Nell'ultimo mese e mezzo, spiegano dall'ospedale, "i ricoveri non si sono spostati in termini di numeri". Quelli ordinari sono 69 al momento - dato che nei giorni precedenti ballava fra 74 e 69 - e altri 29 malati sono in sub-intensiva. Anche l'1 febbraio erano ancora 74. Pochi al momento i pazienti in entrata giorno per giorno: 5 o meno, dato stabile anche questo. "Va considerato che il massimo totale raggiunto dal Policlinico è stato il 14 novembre e si parlava di 352 ricoveri complessivi. Quindi, considerato che ora siamo a 157, al momento siamo a meno della metà del nostro picco della seconda ondata", puntualizzano dall'Irccs.

Per quanto riguarda il pronto soccorso si registrano molti accessi per motivazioni non legate a Covid e, se nei tempi più neri si viaggiava al ritmo di 50 pazienti che venivano ricoverati per Covid, ora i casi che vengono ospedalizzati sono intorno a 4. Se si considera che l'ospedale ha 900 posti letto, nel picco più di un terzo di questi era occupato da casi Covid, ora invece circa il 16%. Non si rilevano ricoveri di pazienti con varianti di Sars-CoV-2, mentre ai tamponi la percentuale di positivi con variante è in linea con la media nazionale.

Spostandosi dal centro alla periferia, l'Asst Santi Paolo e Carlo mostra lo stesso trend. I ricoverati Covid attuali in entrambi i presidi sono a quota 173, di cui 8 in terapia intensiva e altri tra assistenza respiratoria e cosiddetti 'reparti verdi'. I pazienti non Covid ricoverati al momento nelle due strutture sono 536, per fare un raffronto. E stamattina alle 11 in pronto soccorso i pazienti Covid erano 17 in attesa di ricovero o indicazione di terapia da fare a casa e 100 erano invece i non Covid. Confrontando i dati con quelli di un giorno della settimana precedente (il 16 febbraio), i pazienti Covid ricoverati nei presidi erano 156, a fronte di 513 non Covid e in pronto soccorso 9 i casi Covid e 95 i non Covid. In questo momento quindi, concludono dall'ospedale, "non si può dire che i ricoveri siano in aumento. Un quadro più chiaro dell'andamento lo si potrà avere nei prossimi giorni".