Covid, Miozzo (Cts): “A fine primavera torneremo a respirare”

Primo Piano
·1 minuto per la lettura
(AP Photo/Mark Schiefelbein)
(AP Photo/Mark Schiefelbein)

“Se la campagna vaccinale funziona come auspichiamo, inizieremo a vederne i risultati verso la fine della primavera”. Lo ha dichiarato Agostino Miozzo, coordinatore del Comitato Tecnico Scientifico (Cts), intervenuto su Radio 2.

“Per prima cosa abbattiamo il numero delle vittime, che continua ad essere drammatico. Se mettiamo in sicurezza gli anziani sopra gli 80, gli anziani dai 60 in su, quelli che lavorano nel mondo della scuola, dei servizi e della sicurezza, se mettiamo in sicurezza tutte queste persone, se la campagna vaccinale va come deve andare, io credo che verso la fine della primavera, l'inizio dell'estate, possiamo tentare di cominciare a respirare, anche se mantenendo la rigorosa osservazione di certi criteri di protezione” come il distanziamento sociale e l’utilizzo delle mascherine, ha spiegato.

VIDEO - Vaccino, lo spot di Giuseppe Tornatore

“La mascherina per un po' di tempo ce la dobbiamo tenere addosso. Io sono convinto che potremo arrivare ad una estate quasi normale se tutte queste variabili saranno variabili controllabili”, ha precisato Miozzo.

A proposito dei ritardi nella consegna dei vaccini annunciati da Pfizer e confermati anche per la prossima settimana da Domenico Arcuri, commissario per l’emergenza, il coordinatore del Cts ha commentato: “Preoccupa il ritardo della Pfizer, ci auguriamo che siano ritardi legati alla riorganizzazione della produzione in Europa. Dobbiamo solo sperare che non facciano scherzi e mantengano gli impegni che si sono presi, perché c'è tanta gente che adesso aspetta, i piani che il Paese ha fatto sono piani che devono essere rispettati”.

VIDEO - Coronavirus, le vaccinazioni in Vaticano: anche 25 clochard