Covid, Moderna: al via studio per vaccino contro variante sudafricana

Primo Piano
·1 minuto per la lettura
(AP Photo/Sue Ogrocki)
(AP Photo/Sue Ogrocki)

L'azienda farmaceutica americana Moderna ha annunciato di aver avviato lo studio di un nuovo vaccino contro la variante sudafricana del coronavirus. Il siero, denominato mRNA-1273.351, è già stato inviato al National Institutes of Health (Nih) statunitense per l'analisi e, eventualmente, l'approvazione. Nel caso di un via libera, ha fatto sapere il gruppo, il farmaco potrebbe poi essere somministrato come richiamo per aumentare l'immunità neutralizzante contro la variante scoperta nella Repubblica Sudafricana o come vaccinazione primaria per chi ancora non è stato vaccinato.

VIDEO - Pfizer, Moderna, AstraZeneca: le differenze tra i vaccini secondo Burioni

"Siamo lieti di iniziare lo studio clinico della nostra variante di richiamo e siamo grati per la continua collaborazione del Nih per combattere questa pandemia", ha detto Stéphane Bancel, amministratore delegato di Moderna. E ha spiegato: "Sfruttando la flessibilità della nostra piattaforma mRNA, ci stiamo muovendo rapidamente per testare gli aggiornamenti dei vaccini che affrontano le varianti emergenti del virus. Moderna si impegna ad apportare tutti gli aggiornamenti necessari al nostro vaccino finché la pandemia non sarà sotto controllo. Speriamo di dimostrare che le dosi di richiamo, se necessario, possono essere fatte a livelli di dose inferiori, il che ci permetterà di fornire molte più dosi alla comunità globale alla fine del 2021 e nel 2022, se necessario".

VIDEO - Covid, arriva il test veloce che individua le varianti