Covid, monitoraggio Iss: in Italia risale l'Rt. I dati che preoccupano

Primo Piano
·2 minuto per la lettura
(AP Photo/Antonio Calanni)
(AP Photo/Antonio Calanni)

È in lieve aumento l'indice Rt in Italia: nell'ultima settimana è a 0,85, contro lo 0,81 della precedente. Scende invece l'incidenza, a 146 casi settimanali per centomila abitanti (contro i 157 di 7 giorni fa). È quanto emerge dalla riunione della cabina di regia per il monitoraggio settimanale dei casi Covid.

Sull'incidenza, comunque, nella bozza del monitoraggio si legge: "Sebbene la campagna vaccinale progredisca significativamente, complessivamente, l'incidenza resta elevata e ancora ben lontana da livelli (50 per 100.000) che permetterebbero il contenimento dei nuovi casi".

Scende, ma rimane alto, il numero di Regioni che hanno un tasso di occupazione in terapia intensiva e/o aree mediche sopra la soglia critica, 8 contro le 12 della settimana precedente.

Il tasso di occupazione in terapia intensiva a livello nazionale è uguale alla soglia critica (30%), con una diminuzione nel numero di persone ricoverate in terapia intensiva, che passa da 3.151 (20/04/2021) a 2.748 (27/04/2021). Il tasso di occupazione in aree mediche a livello nazionale scende ulteriormente ed è sotto la soglia critica (32%). Il numero di persone ricoverate in queste aree passa da 23.255 (20/04/2021) a 20.312 (27/04/2021).

Quattro Regioni hanno riportato allerte di resilienza, nessuna riporta molteplici allerte. Si osserva inoltre "una ulteriore diminuzione nel numero di nuovi casi non associati a catene di trasmissione (27.561 vs 29.892 la settiman precedente). La percentuale dei casi rilevati attraverso l'attività di tracciamento dei contatti è in aumento (38,3% vs 37,9% la scorsa settimana)". Stabile il numero di casi rilevati attraverso la comparsa dei sintomi (38,7% vs 38,4%). Infine, il 23% è stato diagnosticato attraverso attività di screening.

Da sottolineare anche come sia in miglioramento la situazione generale del rischio pandemico in Italia, con nessuna Regione a rischio alto. Undici Regioni e Province autonome hanno una classificazione di rischio moderato e 10 hanno una classificazione di rischio basso.

Tre Regioni (contro 4 della settimana precedente) hanno un Rt puntuale maggiore di uno. Campania e Sicilia hanno una trasmissibilità compatibile con uno scenario di tipo 2. Le altre di tipo 1.

GUARDA ANCHE - Il Covid toglie la voglia di sesso, come ritrovare la passione