Covid, Monti (Lega): in Lombardia mancano all’appello 370mila dosi

Red
·1 minuto per la lettura
Image from askanews web site
Image from askanews web site

Milano, 14 apr. (askanews) - "I grandi assenti in questo momento sono i vaccini. Questa mancanza costringe la macchina lombarda a lavorare al 30% della propria capacità erogativa. Il criterio di ripartizione delle dosi è senza senso e non tiene conto della grandezza della popolazione: in Lombardia mancano all'appello 370mila dosi". Lo ha sottolineato in una nota Emanuele Monti, presidente della commissione Sanità del Pirellone e consigliere regionale della Lega in Lombardia.

"La Lombardia - ha detto - è la sesta regione per numero di dosi consegnate per mille abitanti con 252,45 dosi su 1000 abitanti. La prima è l'Emilia-Romagna (289,75 dosi su 1000 abitanti) e la terza la Toscana (268,73 dosi su 1000 abitanti) che è la regione più in ritardo per il numero di dosi somministrate. Se la Lombardia, in quanto regione più popolosa, fosse anche quella con più dosi ricevute potremmo vaccinare molte più persone. Mancano all'appello, a causa di questo inadeguato criterio di ripartizione, circa 370.000 dosi alla Lombardia. Ho chiesto a Pavesi di portare il tema in sede di Commissione Salute della Conferenza Stato-Regioni", ha concluso.