Covid, Moratti: proposti specializzandi per Fase 2 campagna vaccini

Red
·1 minuto per la lettura
Image from askanews web site
Image from askanews web site

Milano, 27 gen. (askanews) - Utilizzare i medici specializzandi del primo e del secondo anno per la Fase 2 della campagna vaccinale anti-Covid, che solo in Lombardia coinvolgerà 6 milioni di persone. E' la proposta dell'assessore al Welfare della Regione che è stata accolta dalla Conferenza Stato-Regioni e che potrebbe avere il via libera definitivo con l'approvazione di in un emendamento del Milleproroghe.

Moratti in commissione Sanità al Pirellone ha sottolineato la necessit di "non distrarre i medici ospedalieri dal lavoro che fanno negli ospedali" in vista "della vaccinazione massiva: parliamo di 6 milioni di persone. Per questo abbiamo chiesto in Stato-Regioni la possibilità di utilizzare gli specializzandi del primo e del secondo anno. Solo in Lombardia potremmo avere un numero intorno ai 2.500 specializzandi che potrebbero somministrare vaccini".

Moratti ha poi aggiunto di aver chiesto delucidazioni alla struttura commissariale sulla call per i medici in arrivo proprio per la campagna. Secondo Moratti per la Lombardia sarebbero in arrivo 650 persone a febbraio, per salire a 2.500 medici e infermieri nei mesi estivi. "Quello che non è chiaro - ha detto - è la progressione, abbiamo ritenuto importante chiedere al Commissiario di avere la certezza di questi numeri e la progressione. Anche noi stiamo predisponendo delle call per medici e infermieri in pensione, stiamo in contatto con croce rossa. Stiamo lavorando per avere una pluralità di operatori medici che possano garantire la vaccinazione massiva", ha concluso.