Covid: Moratti, 'su riaperture se si tenessero in conto vaccini, per Lombardia sarebbe positivo'

·1 minuto per la lettura
default featured image 3 1200x900
default featured image 3 1200x900

Milano, 18 mag.(Adnkronos) – "Il metodo delle riaperture a seconda delle zone e dei colori è per fortuna superato. Finora veniva calcolato il tasso di diffusione, l'Rt, fotografia della situazione a 15 giorni prima. Come regione abbiamo lavorato a nuovi modelli che tengono conto dell'incidenza, quindi il numero dei casi positivi rispetto a 100mila abitanti e delle terapie intensive. E questo è già un modello positivo. Certo, poter considerare anche i vaccini per la Lombardia sarebbe molto positivo". Lo ha detto Letizia Moratti, vicepresidente e assessore al welfare della Regione Lombardia, intervenendo a Sky Tg24.

Del resto, aggiunge, sulle vaccinazioni "la Lombardia contribuisce con un 34,4% ed è paragonabile a un medio Stato europeo". Anzi "siamo messi meglio del Belgio, che ha somministrato il 33,5%, e di Paesi come la Svezia, l'Olanda, la Repubblica Ceca e la Slovacchia".

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli