Covid: morte cerebrale per avvocato colpito da trombosi, pm indaga per omicidio colposo

·1 minuto per la lettura
default featured image 3 1200x900
default featured image 3 1200x900

Palermo, 9 apr. (Adnkronos) – E' stata dichiarata la morte cerebrale per l'avvocato Mario Turrisi, 45 anni, originario di Tusa (Messina), ricoverato da domenica in gravissime condizioni al Policlinico di Messina dopo essere stato colpito da una trombosi. L'uomo poche settimane prima aveva avuto la somministrazione del vaccino AstraZeneca. La scorsa settimana era morta per lo stesso motivo l'insegnante Augusta Turiaco, anche lei messinese, di 55 anni. Turrisi era stato vaccinato lo scorso 12 marzo all'ospedale di Mistretta. La scorsa settimana era stato ricoverato per un forte mal di testa, mal di orecchie e febbre. Dopo altri esami si è capito che aveva avuto una trombosi. La Procura di Messina ha aperto una inchiesta per verificare eventuali correlazioni tra il vaccino e la trombosi cerebrale. Nelle prossime ore verranno espiantati gli organi come aveva desiderato lo stesso avvocato.