Covid: Mulè, 'orgoglioso per legge ricordo vittime, significativo sì in giorno Unità Italia'

·1 minuto per la lettura
default featured image 3 1200x900
default featured image 3 1200x900

Roma, 17 mar. (Adnkronos) – Giorgio Mulè, sottosegretario alla Difesa, che da deputato di Forza Italia è stato il primo firmatario della proposta di legge approvata oggi in via definitiva che prevede l'istituzione della 'Giornata nazionale in memoria delle vittime dell’epidemia di coronavirus', da celebrare ogni 18 marzo, si dice "particolarmente orgoglioso" del provvedimento e trova "significativo che sia stato approvato proprio nel giorno in cui si celebra la “Giornata dell’Unità nazionale, della Costituzione, dell’Inno e della Bandiera”.

"Non è una circostanza casuale -dice all'Adnkronos- è la dimostrazione di un disegno superiore, nel solco di una memoria condivisa, che non significa un semplice ricordo, ma vuol dire tener vivi eventi che non devono avere tempo e devono superare il presente".

"Non è semplice retorica, visto che il testo non si limita a prevedere un minuto di silenzio per ricordare le vittime del Covid, ma contempla la possibilità per i lavoratori di donare ore di stipendio per la ricerca; di coinvolgere in iniziative scuole, Comuni e Regioni; di impegnare la Rai come servizio pubblico ad approfondire questi eventi che purtroppo hanno segnato la nostra storia. Insomma -conclude Mulè- non una semplice devozione che guarda indietro, ma un richiamo per il futuro, con un legame pratico con la vita reale. Ciò che un Paese serio e unito deve fare".