Covid, nuovo report Gimbe: le Regioni sopra la soglia d'allerta

·2 minuto per la lettura
Covid, nuovo report Gimbe: le Regioni sopra la soglia d'allerta (AP Photo/Luca Bruno)
Covid, nuovo report Gimbe: le Regioni sopra la soglia d'allerta (AP Photo/Luca Bruno)

Dal nuovo report della Fondazione Gimbe emerge il quadro della situazione Covid in Italia negli ultimi 7 giorni. Anche nella settimana 5-11 maggio, secondo i dati forniti, continua il calo in Italia di nuovi contagi (-19%) e dei decessi (-15,4%) Si allenta ancora la pressione sugli ospedali: in 35 giorni -49,1% i ricoveri con sintomi e -45,1% le terapie intensive.

 I nuovi casi scendono a 63.409 da 78.309, i decessi a 1.544 da 1.826. Scendono anche gli attualmente positivi (363.859 da 413.889), le persone in isolamento domiciliare (346.866 rispetto a 393.290), i ricoveri con sintomi (14.937 contro 18.176) e le terapie intensive (2.056 da 2.423).

GUARDA ANCHE - Vaccini a scuola? Le ipotesi del governo

Nino Cartabellotta, presidente della Fondazione Gimbe, ha dichiarato: "L’ulteriore calo dei nuovi casi settimanali riflette gli ultimi effetti di 6 settimane di un’Italia tutta rosso-arancione".

Tuttavia, continua a salire leggermente l’Rt medio calcolato dall’Istituto superiore di sanità sui casi sintomatici a 14 giorni, che rispetto al valore di 0.85 della scorsa settimana ha raggiunto lo 0.89.

Per quanto riguarda la situazione negli ospedali, "si allenta ulteriormente la pressione sia per la minore circolazione del virus che per i primi effetti della elevata copertura vaccinale negli over 80".

Dopo il picco raggiunto il 6 aprile (29.337) i posti letto occupati sono 14.937, con una riduzione del 49,1% in 35 giorni. Solo la Calabria supera la soglia di allerta del 40%. In terapia intensiva, dal picco raggiunto sempre il 6 aprile (3.743) rimangono occupati 2.056 posti letto, con una riduzione del 45,1% in 35 giorni. La soglia di saturazione del 30% risulta superata, seppur di poco, in Lombardia e in Toscana (32%). 

GUARDA ANCHE - Fondi per il rilancio, non c'è solo il Pnrr