Covid, nuovo studio sull'uso del plasma cambia tutto

Primo Piano
·2 minuto per la lettura

Dopo le belle notizie arrivate negli ultimi giorni, relative a diversi vaccini anti Covid-19 pronti per essere utilizzati, ce n’è una che invece preoccupa medici ed esperti e che riguarda l’ormai nota cura al plasma. Un nuovo studio scientifico, appena pubblicato sul New England Journal of Medicine, ha infatti scoperto che il plasma iperimmune prelevato da soggetti guariti dal coronavirus non è in realtà efficace come si pensa. Ecco perchè.

Bassetti: “Non funziona”

"Mi spiace deludere le aspettative di molti, ma il plasma dei guariti non funziona": a commentare per primo la ricerca è Matteo Bassetti, direttore della Malattie infettive all'ospedale San Martino di Genova, in un post sul proprio profilo Facebook. L'infettivologo ha aggiunto che l'articolo "pubblicato sulla più prestigiosa rivista di medicina al mondo, il New England Journal of Medicine, che illustra i risultati di uno studio randomizzato in cui il plasma confrontato con il placebo in soggetti con forme gravi di Covid non ha dato alcun beneficio sulla mortalità", sottolineando che "Questa si chiama medicina basata sull'evidenza".

GUARDA ANCHE - E tre! AstraZeneca annuncia il suo vaccino anti Covid

Lo studio su plasma e Covid

Ma perchè la cura al plasma iperimmune non funziona? "Non sono state osservate differenze significative nello stato clinico o nella mortalità complessiva tra i pazienti trattati con plasma convalescente e quelli che hanno ricevuto placebo", spiegano gli autori della ricerca, un gruppo di ricercatori dell'Hospital Italiano di Buenos Aires. Lo studio ha preso in esame un totale di 228 pazienti che hanno ricevuto il plasma convalescente e 105 che, invece, hanno ricevuto un placebo.

Dopo 30 giorni "nessuna differenza significativa nei risultati clinici è stata notata tra il gruppo che ha avuto la terapia del plasma e il gruppo con il placebo", hanno rivelato i ricercatori. La mortalità complessiva è stata "del 10,96% nel gruppo del plasma convalescente e 11,43% nel gruppo placebo". Lo studio è stato misurato con una scala di valori da uno a sei punti che andava dal recupero totale alla morte.

GUARDA ANCHE - Covid, boom di donatori di plasma a Palermo