Covid oggi Italia, bollettino Protezione Civile e contagi regioni 11 novembre

·3 minuto per la lettura

Il bollettino con i dati del Covid in Italia oggi, giovedì 11 novembre 2021, numeri e news della Protezione Civile e del ministero della Salute - regione per regione - su contagi da coronavirus, ricoveri e morti. I numeri da Piemonte, Lombardia e Veneto, Liguria, Toscana e Lazio, Campania, Puglia e Sicilia. Il bollettino delle grandi città come Roma, Milano e Napoli. Il punto sulla terza dose, dopo l'annuncio del ministro della Salute Speranza: dall'1 dicembre in Italia il booster del vaccino anti covid - con Pfizer o Moderna - spetta anche ai cittadini della fascia 40-60 anni.

Sono 25 i nuovi casi di contagio dacoronavirus in Basilicata oggi, 11 novembre, secondo i dati Covid del bollettino regionale della task force riferito alle ultime 24 ore. Eseguiti 545 tamponi molecolari, e non si registrano decessi. I lucani guariti o negativizzati sono 19. I ricoverati negli ospedali di Potenza e di Matera sono 25 (-1) di cui 1 in terapia intensiva mentre gli attuali positivi residenti in Basilicata sono in tutto 914 (+4).

Sono 262 i nuovi contagi da coronavirus oggi 11 novembre in Puglia, secondo i dati dell'ultimo bollettino covid-19. Si registrano altri 2 morti. I nuovi casi, individuati su 21.580 tamponi effettuati, sono così suddivisi per provincia: Bari: 64; Bat: 34; Brindisi: 21; Foggia: 39; Lecce: 41; Taranto: 60; Residenti fuori regione: 2; Provincia in definizione: 1. Sono 3.565 le persone attualmente positive, 155 quelle ricoverate in area non critica, 19 in terapia intensiva. I dati complessivi da inizio pandemia: 275.150 casi, 4.399.207 test eseguiti, 264.727 persone guarite, 6.858 le persone decedute.

Sono 509 i nuovi contagi da coronavirus oggi 11 novembre in Toscana, secondo i dati dell'ultimo bollettino. Si registrano altri 4 morti. Nella regione continua dunque ad aumentare il numero dei casi a fronte però di un maggior numero di test effettuati. Infatti i nuovi contagi registrati sono 509 su 36.741 test di cui 10.474 tamponi molecolari e 26.267 test rapidi. Ieri erano stati 418 su 26.625 test. Cala leggermente il tasso dei nuovi positivi, che oggi si attesta a 1,39% (4,8% sulle prime diagnosi), mentre ieri era 1,57% (4,7% sulle prime diagnosi). I nuovi contagi sono stati confermati 484 da tampone molecolare e 25 da test rapido antigenico, che portano il totale a 293.343 dall'inizio dell'emergenza sanitaria di Coronavirus. I nuovi casi sono lo 0,2% in più rispetto al totale del giorno precedente. I guariti crescono dello 0,1% e raggiungono quota 279.043 (95,1% dei casi totali). Sono invece 10.690 i soggetti testati oggi (con tampone antigenico e/o molecolare, escludendo i tamponi di controllo), di cui il 4,8% è risultato positivo. Gli attualmente positivi sono oggi 6.980, +2,5% rispetto a ieri. I ricoverati sono 295 (2 in più rispetto a ieri), di cui 24 in terapia intensiva (2 in meno). Registrati 4 nuovi decessi: un uomo e 3 donne con un'età media di 79,5 anni (1 a Firenze, 1 a Massa Carrara, 1 a Siena, 1 a Grosseto).

In Veneto oggi è stato superato il 'muro' dei 1.000 contagi covid giornalieri secondo i numeri del bollettino dell'11 novembre. Nelle ultime 24 ore infatti sono stati 1.077 i nuovi casi, mentre si registrano anche 5 vittime nelle ultime 24 ore, come riferisce la regione. Numeri che confermano la quarta ondata in atto, e che non si vedevano dallo scorso inverno nel pieno della terza ondata. Il totale dei positivi da inizio pandemia sale a 488.269 e sono 14.224 gli attualmente positivi. Mentre I decessi da inizio epidemia hanno raggiunto quota 11.863. Al primo posto per numero di contagi c'è la provincia di Padova, con 241 casi, segue Venezia con 198, Verona con 190, Vicenza con 188, Treviso con 152, sale il contagio anche a Rovigo, con 49 casi e Belluno, con 47. Sono 269 i pazienti ricoverati nelle aree non critiche degli ospedali (+4), e 59 (+2) quelli nelle terapie intensive.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli