Covid oggi Italia, Viola: "Servono maggiori restrizioni per no vax"

·1 minuto per la lettura

Le persone senza vaccino anti Covid "mettono sotto stress il sistema e mettono a rischio la propria salute. Una restrizione del Green pass" obbligatorio "per i no vax sarebbe l’ideale in questa situazione. Potrebbero continuare a lavorare, ma non partecipare a eventi di aggregazione. Non si tratterebbe di un lockdown come quello dell’Austria, ma di un utilizzo più restrittivo del Green pass, un po’ come sta avvenendo in Germania". Lo ha detto l'immunologa dell'Università di Padova, Antonella Viola, ospite di 'Buongiorno' su SkyTg24. Parlando dell’eventuale introduzione di maggiori restrizioni per i non vaccinati, l’esperta ha dichiarato "che senza dubbio la strada dev’essere quella".

Sul fronte festività il Natale, sottolinea l'immunologa, "sarà più sereno per i vaccinati e chi farà il richiamo, spero che il governo si attiverà in fretta per le terze dosi. Se le persone risponderanno bene io non vedo grossi problemi, forse ci sarà qualche problema a livello locale in alcune città o Regioni con focolai, o per il turismo che non viene controllato, specialmente quanti arrivano dall'Est. Queste sono variabili che dovremmo tenere in considerazione, ma tutto sommato il sistema reggerà. Forse sarà solo più faticoso".

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli