Covid oggi Olanda, verso un lockdown parziale

·2 minuto per la lettura

Crescono anche oggi i contagi Covid in Olanda e si riaffaccia l'ipotesi lockdown. A chiederne uno parziale è un gruppo di esperti che, secondo quanto riporta la tv locale Nos, lo avrebbe consigliato al governo locale per ridurre i casi nel Paese. L'Olanda potrebbe essere, quindi, il primo Paese dell'Europa occidentale a ripristinarlo. Il governo del primo ministro ad interim, Mark Rutte, dovrebbe prendere una decisione a riguardo già domani.

Tra le misure restrittive che il governo sta valutando, ha precisato l'emittente, ci sono la cancellazione di eventi, la chiusura di teatri e cinema e la chiusura anticipata di bar e ristoranti, mentre le scuole rimarrebbero aperte. Dopo un lockdown parziale di due settimane, è il parere degli esperti, l'ingresso nei luoghi pubblici dovrebbe essere limitato ai vaccinati o alle persone guarite di recente.

La scorsa settimana, i Paesi Bassi hanno reintrodotto le mascherine e ampliato l'elenco dei luoghi che richiedono il Green Pass per accedervi. I nuovi contagi da Coronavirus sono quasi raddoppiati nell'ultima settimana, con un tasso di incidenza settimanale superiore a 400 ogni 100mila abitanti.

IL BOLLETTINO DI OGGI - In Olanda sono stati registrati 16.364 nuovi casi di coronavirus nelle ultime 24 ore, mai così tanti dallo scoppio della pandemia. Lo ha reso noto l'Istituto nazionale per la sanità pubblica e l'ambiente, confermando 26 decessi per complicanze nell'ultima giornata. Il precedente record risale al 20 dicembre, quando sono stati confermati 12.997 contagi.

Anche la media giornaliera di contagi in Olanda ha raggiunto un nuovo record. Negli ultimi sette giorni, infatti, 86.384 persone sono risultate positive al Covid-19, con una media di 12.341 al giorno.

Il maggior numero di contagi è stato registrato ad Amsterdam, con 616 contagi, seguita da Rotterdam con 586 nuovi casi, L'Aia con 389 e Utrecht 263. Negli ospedali sono ora ricoverate 1.699 persone a causa del Covid-19, il numero più alto dal 23 maggio.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli