Covid, ok Conte a misure più restrittive ma su base Rt Regioni

Vep
·1 minuto per la lettura

Roma, 1 nov. (askanews) - Misure più restrittive sulla base della diffusione territoriale del Covid e non provvedimenti nazionali, uguali per tutte le zone. E' questa, secondo quanto si apprende, la filosofia del Dpcm contenente nuove misure anti-Covid che dovrebbe vedere la luce domani e su cui è in corso da ore una riunione a Palazzo Chigi tra il presidente del Consiglio, Giuseppe Conte, i capidelegazione della maggioranza e anche i capigruppo. Le griglie del provvedimento sarebbero già abbastanza definite con alcune misure di carattere nazionale e altre lasciate alle Regioni sulla base di una valutazione, Regione per Regione, dell'indice Rt di trasmissione del virus. Tra le misure più restrittive che sono sul tavolo del governo ci sono l'interruzione della mobilità interregionale, fatto salvo le ragioni di lavoro, la chiusura dei centri commerciali nei weekend e il coprifuoco alle 18 di tutte le attività. Le Regioni stamani hanno chiesto misure più restrittive la cui necessità è, a quanto si apprende, condivisa dal premier intenzionato, però, a una modulazione dei singoli interventi sulla base delle diverse situazioni epidemiologiche dei territori.