Covid, Onu: 130 Paesi senza vaccino, serve sforzo globale coordinato

Red
·2 minuto per la lettura
Image from askanews web site
Image from askanews web site

Roma, 18 feb. (askanews) - Le Nazioni Unite hanno lanciato ieri un appello per uno sforzo globale coordinato nella vaccinazione contro il Covid-19, avvertendo che le disparità iniziali mettono a rischio l'intero pianeta. I ministri degli Esteri degli Stati membri del Consiglio di sicurezza si sono incontrati virtualmente per una prima sessione di lavoro sulle vaccinazioni convocata dall'attuale presidente - la Gran Bretagna -, secondo cui il mondo ha il "dovere morale" di agire in modo coordinato contro la pandemia che ha ucciso più di 2,4 milioni di persone.

Il segretario generale Antonio Guterres da parte sua ha manifestato la preoccupazione per il fatto che finora solo 10 nazioni hanno somministrato il 75% delle dosi e 130 paesi non hanno ricevuto alcuna dose di vaccino

"Il mondo ha urgente bisogno di un piano di vaccinazione globale per riunire tutti coloro che possiedono il potere, le competenze scientifiche, le capacità produttive e finanziarie necessarie", ha affermato Guterres.

Il leader dell'Onu ha spiegato che il Gruppo delle 20 principali economie mondiali è nella posizione migliore per istituire una task force sul finanziamento e l'attuazione delle vaccinazioni a livello globale ed ha offerto il pieno sostegno delle Nazioni Unite.

"Se si permette al virus di diffondersi a macchia d'olio nel Sud del mondo, muterà ancora e ancora. Nuove varianti potrebbero diventare più trasmissibili, più mortali e, potenzialmente, minacciare l'efficacia dei vaccini e della diagnostica attuali", ha detto Guterres.

"Questo può prolungare la pandemia in modo significativo, consentendo al virus di tornare ad affliggere il nord del mondo", ha aggiunto Guterres.

Henrietta Fore, capo dell'agenzia delle Nazioni Unite per l'infanzia (Unicef), da parte sua ha sottolineato che "l'unico modo per uscire da questa pandemia per ognuno di noi è garantire che le vaccinazioni siano disponibili per tutti".