Covid, Open Day AstraZeneca annullato a Napoli: prima defezione

·3 minuto per la lettura
Covid
Covid

In seguito ai più recenti casi di trombosi registrati in pazienti che hanno ricevuto il vaccino AstraZeneca, il mondo medico e scientifico sta discutendo sull’opportunità o meno di trattare somministrare il siero sintetizzato contro il coronavirus a soggetti che abbiano un’età inferiore ai 60 anni. In questo contesto, intanto, è stata registrata la prima defezione rispetto alla scelta di distribuire il vaccino AstraZeneca comunicata dall’Asl Napoli 2.

AstraZeneca, Asl Napoli 2 revoca Open Day organizzato per la serata di giovedì 10

In Campania, l’Asl Napoli 2 ha annunciato la prima cancellazione di un Open Day AstraZeneca: la decisione scaturisce in seguito ai dubbi emersi con i casi della ragazza 18enne di Genova e della 42enne di Lucca, ricoverata in condizioni critiche dopo essersi sottoposte alla vaccinazione contro il SARS-CoV-2 e aver ricevuto il vaccino ideato dai ricercatori di Oxford.

Il vaccino anglo-svedese sia stato indicato da Aifa come un farmaco da usare preferenzialmente per gli over 60 ma la sua somministrazione non è stata ufficialmente vietata: di conseguenza, l’uso del siero è stato promosso in occasione di Open Day aperti a tutte le fasce d’età, dislocati su territorio nazionale.

Una simile pratica, del resto, è stata adottata non soltanto dalle Regioni italiane ma anche in altri Paesi europei: la Germania, ad esempio, ha consentito anche agli under 60 di vaccinarsi con AstraZeneca o Johnson&Johnson, scegliendo su base volontaria e consultando il proprio medico. In questo modo, si tenta di smaltire le dosi di vaccino a vettore adenovirale che, altrimenti, rischiano di restare inutilizzate e accumularsi nelle celle frigorifere.

AstraZeneca, Asl Napoli 2 revoca Open Day: i recenti casi di trombosi

Dopo le segnalazioni relative agli ultimi casi di trombosi e ai dubbi palesati dalla comunità medica e scientifica, l’Asl Napoli 2 ha deciso per la prima volta di revocare l’Open Day AstraZeneca organizzato per la serata di giovedì 10 giugnodestinato a tutti i residenti di età superiore ai 18 anni, senza prenotazione.

L’Open Day era stato programmato dalle ore 19:00 alle ore 23:00 di giovedì 10 giugno e avrebbe dovuto coinvolgere nove centri vaccinali ubicati presso differenti comuni che afferiscono ai territori dell’Asl Napoli 2.

Al momento, la struttura sanitaria sta valutando se annullare in modo definitivo l’evento o rimodularlo cambiando la tipologia di vaccino da somministrare, ricorrendo al Pfizer/BioNTech, qualora le dosi disponibili fossero sufficienti.

AstraZeneca, Asl Napoli 2 revoca Open Day: l’intervento di Locatelli

I dubbi relativi all’utilizzo di AstraZeneca e Johnson&Johnson per le fasce di popolazione più giovane sono sorti in seguito al ricovero presso il Policlinico San Martino di Genova della 18enne vaccinata con il siero di Oxford per trombosi e della 42enne di Lucca in condizioni critiche per un ictus, assistita nel reparto di terapia intensiva dell’ospedale Cisanello di Pisa.

La questione è stata affrontata anche dal coordinatore del Cts e presidente del Consiglio superiore di Sanità, Franco Locatelli, che ha invitato a eseguire nuovi e più accurati accertamenti sui vaccini a vettore adenovirale prima di proseguire con la loro somministrazione a soggetti di età inferiore ai 60 anni.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli