Covid: opposizioni Lombardia, 'estendere indagini a seconda e terza ondata'

·1 minuto per la lettura
default featured image 3 1200x900
default featured image 3 1200x900

Milano, 26 mag. (Adnkronos) – Le opposizioni in Regione Lombardia vogliono che la commissione d'inchiesta per indagare sulle pandemia estenda le sue indagini anche alla seconda e alla terza ondata, prorogando i termini.

"Dopo l’audizione del presidente Fontana in commissione regionale d’inchiesta sul Covid in Lombardia si deve aprire una fase nuova, per questo è necessario prevedere l’estensione dell’indagine sulla seconda e la terza ondata della pandemia e, di conseguenza, la proroga dei termini della stessa. È fondamentale capire come il sistema sanitario regionale e la sua guida politica abbiano reagito non solo alla fase acuta e improvvisa della primavera 2020, ma anche alle fasi successive, caratterizzate da un impatto ancora più grave sulla Lombardia con condizioni nuove e diverse a cui la regione non si è fatta trovare adeguatamente preparata, nonostante l’esperienza maturata nella prima fase", sottolineano in una nota i capigruppo delle forze di minoranza in Consiglio regionale della Lombardia: Fabio Pizzul (Pd), Massimo De Rosa (M5S), Michele Usuelli (+Europa Radicali), Elisabetta Strada (Lombardi Civici Europeisti), Niccolò Carretta (Azione).

"Al centro dell’attenzione della commissione dovranno essere messe le procedure che non hanno impedito una nuova diffusione dei contagi anche in zone marginalmente interessate dalla prima ondata e un’analisi sui diversi approcci adottati dalle diverse regioni italiane. Comprendere e accertare ciò che è accaduto durante tutto il periodo della crisi pandemica è fondamentale per applicare i correttivi necessari a evitare che in futuro la Regione Lombardia possa dimostrarsi nuovamente impreparata", concludono.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli