Covid, "ora colpisce più intestino"

webinfo@adnkronos.com (Web Info)
·1 minuto per la lettura

"Ultimamente stiamo osservando, nei casi Covid, un maggior coinvolgimento dell'apparato gastroenterico con la diarrea come sintomo più significativo, ma possono capitare anche nausea e inappetenza". Lo spiega all'Adnkronos Salute Francesco Menichetti, primario di Malattie infettive all'ospedale di Pisa. "I quadri clinici più rilevanti, purtroppo anche severi, continuano ad essere quelli con polmonite e con insufficienza respiratoria. Inoltre, con la maggior diffusione della variante inglese - avverte il virologo - questi quadri clinici stanno interessando le decadi più giovani e con una gravità significativa".

"I sintomi gastrointestinali - precida l'esperto - non sono secondo me così significativi da cambiare lo scenario delle diagnosi di sospetto Covid. Certo il medico di medicina generale deve mantenere un'attenzione molta alta e capire se alcuni sintomi possono ricondurre ad una infezione da Covid-19".