Covid: ordinanza gip, 'Musumeci voleva zona rossa ma Razza tergiversava 'Non serve più' (2)

·1 minuto per la lettura
default featured image 3 1200x900
default featured image 3 1200x900

(Adnkronos) – "I due interlocutori concordano nel dover informare preventivamente le istituzioni locali, il Presidente dell’Assemblea Regionale Siciliana Gianfranco Miccichè e il sindaco di Palermo Leoluca Orlando"; dice il gip. "Il Presidente Musumeci si dichiara pienamente d’accordo sul provvedimento da emanare per dichiarare la “zona rossa”, nelle aree che superano l’indice soglia, stabilito dal Decreto Legge nr.30/2021, a partire dalla mezzanotte di domenica 21 marzo, in quanto sostiene che si debbano informare i cittadini e le istituzioni in tempo utile". "L’assessore Razza si dice d’accordo con tale tesi e conclude la conversazione con il Presidente Musumeci dicendogli che è in attesa della specifica relazione da parte degli uffici competenti, atto propedeutico per la emanazione della Ordinanza a firma del Presidente della Regione", scrive ancora il gip nella ordinanza.

"Il Presidente Musumeci parla con l’assessore Razza, al quale chiede come mai non lo abbia più informato sulla istituzione della “zona rossa” a Palermo". "Razza tergiversa nella risposta, racconta che non è più necessaria la istituzione della zona rossa in quanto, dall’analisi dei dati, hanno accertato che l’area interessata (Palermo e Provincia) si trova al di sotto della soglia di 250 contagi per 100.00 abitanti". E il gip prosegue: "Il Presidente Musumeci ha una espressione di stupore in quanto era stato informato del superamento della soglia massima di 250 e Razza lo rassicura sostenendo che ieri (venerdì 19.03 ndr) i contagi fossero 400, mentre l’indice settimanale si era attestato a 196 su 100.000 abitanti". Quindi, niente zona rossa. Nonostante i numeri da record.