Covid: Ordine infermieri, 'sono 3.800 gli infermieri sospesi perché non ancora vaccinati'

·1 minuto per la lettura
featured 1536739
featured 1536739

Roma, 9 nov. (Adnkronos Salute) – Sono "circa 3.800 gli infermieri sospesi" perché ancora non in regola con la vaccinazione anti-Covid. Lo sottolinea all'Adnkronos Salute la Fnopi, la Federazione nazionale Ordini professioni infermieristiche, che sottolinea come "solo il 75% delle aziende sanitarie ha comunicato i dati" e che "i 3.800 infermieri sospesi sono lo 0,85% degli iscritti". Secondo Luigi Pais, componente del Comitato centrale della Fnopi: "Non tutte le aziende sanitarie stanno lavorando alla stessa velocità – spiega Pais all'Adnkronos Salute – c'è chi ha fatto scelte radicali e sta andando a velocità spedita e altre che invece antepongono i problemi di organico che nascono con la sospensione degli infermieri".

Sul fronte terza dose per gli operatori sanitari invece "al momento non c'è obbligatorietà ma, dai primi dati, i colleghi stanno facendo il richiamo. Certo – avverte Pais – ci sono anche situazioni all'interno di aziende sanitarie che si lasciano perplessi, ovvero operatori che continuano a lavorare pur sospesi perché non vaccinati a causa dei ritardi delle asl nel verificare i documenti. Questo genera insofferenza in chi invece si è impegnato e ha creduto nelle immunizzazioni". Sulla possibilità che arrivi anche per la terza dose l'obbligo per alcune categorie, Pais conclude che "sarebbe forse opportuno per non generare situazioni di conflitto all'interno dei reparti".

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli