Covid, parla Boccia: “Lo Stato cancelli debiti di famiglie e imprese”

·1 minuto per la lettura
boccia debiti famiglie
boccia debiti famiglie

A quasi due mesi dall’insediamento del governo Draghi torna a parlare l’ex ministro degli Affari Regionali Francesco Boccia, che in un’intervista rilasciata a Fanpage esprime la sua opinione sulla crisi economica conseguente alla pandemia di coronavirus, invitanto lo Stato a farsi carico dei debiti contratti in questo periodo dalle famiglie e dalle imprese italiane. Secondo Boccia infatti, la salute dovrebbe venire prima di tutto, anche di qualsiasi forma di business.

Boccia: “Stato cancelli debiti delle famiglie”

La proposta fatta dall’ex ministro è che lo Stato si faccia carico dei prestiti erogati con garanzia statale durante l’emergenza sanitaria alle famiglie e alle imprese vittime della crisi economica, cancellandone i debiti. Una proposta che tuttavia risulterebbe dispendiosa per le casse dello Stato e che proprio per questo motivo Boccia chiede che venga elaborata a livello europeo, in sinergia con gli altri paesi membri: “Sono sicuro che Paolo Gentiloni e i nostri a Bruxelles potranno combattere questa grande battaglia progressista.

Su questo aspetto, Boccia ha poi aggiunto: “Noi dobbiamo continuare sulla strada che abbiamo tracciato, vita e salute vengono prima di qualsiasi forma di business, perché il business poi arriva, ma quando abbiamo messo in sicurezza tutti gli italiani”. Un concetto che viene ribadito anche in riferimento al cambio di mentalità avvenuto all’interno della Lega e soprattutto da parte di Matteo Salvini: “Salvini ha detto tutto e il contrario di tutto. Ricordo che dalla primavera scorsa è stato uno dei leader dei negazionisti in Italia. Ora mi auguro che abbia voglia finalmente di anteporre la salute e la protezione della vita davanti al business”.