**Covid: Passera, '170 mld a imprese con garanzie pubbliche, moratoria va estesa'**

·1 minuto per la lettura
default featured image 3 1200x900
default featured image 3 1200x900

Milano, 17 mar. (Adnkronos) – Moratorie e garanzie pubbliche stanno permettendo alle imprese di resistere alla crisi generata dal Covid e le banche stanno facendo la loro parte per aiutare ad uscire da una situazione critica per il Paese. Lo sostiene Corrado Passera, fondatore e ceo di illimity, intervistato dall'Adnkronos. Secondo il banchiere "per uscire bene" da una situazione "sicuramente molto critica dell'economia italiana ed europea serve il contributo di tutti" e ci vuole "un contesto di regole e investimenti pubblici – sia a livello nazionale che europeo – per innescare e rafforzare la crescita".

In questo contesto le banche, a differenza della crisi del 2011, "si stanno dimostrando uno strumento per superare la crisi e non una delle ragioni che l'hanno generata. Nel loro insieme, possono affrontare l’attuale situazione molto più robuste, sia dal punto di vista del capitale che della 'pulitura' dei loro portafogli crediti". Sotto il profilo degli strumenti messi in campo, "Credo che alcune cose siano state avviate bene, basti pensare alle moratorie – previste dalla legge, ma anche in parte attivate dalle singole banche – che riguardano circa 300 miliardi di crediti alle aziende. E che, per alcuni settori, sarebbe ragionevole prorogare ulteriormente".

Non solo: "Anche le garanzie pubbliche stanno funzionando – soprattutto nel mondo delle pmi -, sia quelle del fondo centrale di garanzia, sia quelle di Sace si stanno dimostrando efficaci. Stiamo parlando di 170 miliardi di credito che sicuramente, in parte, non sarebbe affluito all'economia se non ci fossero state le garanzie pubbliche", conclude Passera.