Covid, paziente record: positivo per 505 giorni prima di morire

·1 minuto per la lettura
Covid, paziente record: positivo per 505 giorni prima di morire. (Photo by Stefano Guidi/Getty Images)
Covid, paziente record: positivo per 505 giorni prima di morire. (Photo by Stefano Guidi/Getty Images)

E’ stato malato di Covid per 505 giorni prima di morire. Il caso clinico, presentato al congresso di Società di Europea di Microbiologia Clinica e Malattie Infettive di Lisbona, rappresenta l'infezione di Sars-Cov-2 più lunga mai registrata.

In realtà non si tratta di un caso isolato: lo studio riportato in Portogallo ha evidenziato ben nove pazienti con Long Covid. Si tratta di persone immunodepresse o che stanno facendo terapie con immunosoppressori. La ricerca condotta da Luke Blagdon Snell del Guy's and St Thomas' NHS Foundation Trust, rafforza la convinzione che le nuove varianti del Covid si formino proprio nei pazienti che non riescono a guarire.

LEGGI ANCHE: Covid, allarme incendi a Shanghai: troppo alcol utilizzato per disinfettare

Nello studio è stato documentato anche il primo caso di infezione occulta, ossia di un paziente negativo ai test che si è ammalato di una variante non più circolante. Questo dimostra che il virus non aveva mai abbandonato l’organismo, ma semplicemente era mutato e non era stato tracciato dai test.

LEGGI ANCHE: Covid, studio svela 'effetto weekend': +6% morti nei fine settimana

Dei nove pazienti che hanno partecipato alla ricerca, cinque sono ancora vivi. Due hanno “sconfitto” il virus da soli, e altri due hanno ricevuto anticorpi monoclonali e antivirali. L’ultimo paziente, che ha contratto il Covid da più di un anno (412 giorni per l'esattezza) non riesce a guarire, nonostante la cura monoclonale.

GUARDA ANCHE: Reazioni avverse al vaccino anti Covid-19: cosa dice il nuovo report AIFA?

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli